Il poeta è un chiromante

Il poeta è in realtà un chiromante,
con mani di carta e gambe d’inchiostro.
Tratta le parole come zoccole sante,
vestendo i panni di Dio
e quelli del mostro.