La solerzia dell’orologio

Amo la notte levigata di nero
e densa di odori artificiali.
Odio il candore del giorno
farcito di bisogni bestiali:
mangiare, cacare, fottere e cantare…
La solerzia dell’orologio
e i suoi minuti pieni di cazzate da giustificare.