Le tue anomalie

Dei tuoi occhi patisco ancora la fame,
e ancora mi cibo di utopie…
Così il mio cuore non sarà mai sazio,
delle tue succulenti anomalie.